BLOG

 
immobili

MERCATO IMMOBILIARE La prima casa è investimento primario per molti bresciani

13 Lug 2021, by Your Solution in #Caffè&Finanza, educazione finanziaria, EFA, IMMOBILI, imposte tasse, MERCATO IMMOBILIARE

MERCATO IMMOBILIARE

Chi compera casa a Brescia lo fa soprattutto per avere un’abitazione di proprietà. L’investimento nel mattone per un appartamento da affittare o rivendere, ha un’importanza relativa, molto più che in altre province della nostra regione.

 

immobili

Investono più le coppie senza figli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo il centro studi di Tecnocasa infatti la spesa bresciana in case come «beni in cui collocare i propri risparmi» non va oltre il 15% del totale, contro l’85% riservato all’abitazione principale. In province come Bergamo e Como la percentuale di chi investe è ben più alta, del 33,3% nel capoluogo e nella provincia orobica e del 26,3% in quella lariana. Il quadro lombardo dei più propensi a investire in case è completato da Pavia, dove si arriva al 27,8%, e da Milano con il 24,1%, in calo rispetto al 2019 quando raggiungeva il 26,8%.

Mentre però Brescia, con Monza, risulta avere un andamento stabile, altre città come Como, Cremona, Mantova, Pavia e Varese hanno livelli di acquisto per investimento nel mattone in calo. Nel complesso l’analisi dell’ultimo anno intero rivela che mediamente in Lombardia le operazioni per investimento sono state il 13%, mentre quelle portate a termine per l’abitazione principale o la casa vacanza si sono attestate rispettivamente all’85,5% e all’1,5%.

Analizzando caratteristiche e scelte di chi ha investito in Lombardia nel 2020, si scopre che la fascia di età più attiva su questo segmento di mercato è compresa tra 45 e 54 anni (il 32%), e che nel 69% dei casi i titolari dei portafogli fanno parte di una coppia o di una famiglia. Tra le coppie, le più propense a spendere sono quelle senza figli, al 46%, contro il 23% di quelle con figli.

La tipologia di immobile più acquistato per investimento è il bilocale, con il 46% delle scelte, seguito dai trilocali con il 20%, dai monolocali con il 16% e dalle soluzioni indipendenti o semi-indipendenti con l’11%. In tema di risorse economiche emerge che l’82% dei lombardi ha acquistato in contanti, e solo il 18% delle compravendite è avvenuto con un mutuo bancario. Per gli esperti «chi investe nel settore immobiliare non guarda solo ai rendimenti da locazione, attualmente attorno al 5% annuo lordo, ma anche e soprattutto alla rivalutazione del capitale».

 

Chi compera casa a Brescia lo fa soprattutto per avere un’abitazione di proprietà. L’investimento nel mattone per un appartamento da affittare o rivendere, ha un’importanza relativa, molto più che in altre province della nostra regione.

Secondo il centro studi di Tecnocasa infatti la spesa bresciana in case come «beni in cui collocare i propri risparmi» non va oltre il 15% del totale, contro l’85% riservato all’abitazione principale. In province come Bergamo e Como la percentuale di chi investe è ben più alta, del 33,3% nel capoluogo e nella provincia orobica e del 26,3% in quella lariana. Il quadro lombardo dei più propensi a investire in case è completato da Pavia, dove si arriva al 27,8%, e da Milano con il 24,1%, in calo rispetto al 2019 quando raggiungeva il 26,8%.

Mentre però Brescia, con Monza, risulta avere un andamento stabile, altre città come Como, Cremona, Mantova, Pavia e Varese hanno livelli di acquisto per investimento nel mattone in calo. Nel complesso l’analisi dell’ultimo anno intero rivela che mediamente in Lombardia le operazioni per investimento sono state il 13%, mentre quelle portate a termine per l’abitazione principale o la casa vacanza si sono attestate rispettivamente all’85,5% e all’1,5%.

Analizzando caratteristiche e scelte di chi ha investito in Lombardia nel 2020, si scopre che la fascia di età più attiva su questo segmento di mercato è compresa tra 45 e 54 anni (il 32%), e che nel 69% dei casi i titolari dei portafogli fanno parte di una coppia o di una famiglia. Tra le coppie, le più propense a spendere sono quelle senza figli, al 46%, contro il 23% di quelle con figli.

La tipologia di immobile più acquistato per investimento è il bilocale, con il 46% delle scelte, seguito dai trilocali con il 20%, dai monolocali con il 16% e dalle soluzioni indipendenti o semi-indipendenti con l’11%. In tema di risorse economiche emerge che l’82% dei lombardi ha acquistato in contanti, e solo il 18% delle compravendite è avvenuto con un mutuo bancario. Per gli esperti «chi investe nel settore immobiliare non guarda solo ai rendimenti da locazione, attualmente attorno al 5% annuo lordo, ma anche e soprattutto alla rivalutazione del capitale».

 

FONTE: GIORNALE DI BRESCIA

LEAVE A COMENT