BLOG

 
SUCCESSIONE

Passaggio generazionale: 68 mila miliardi in arrivo per i Millennials

  • Pianificare una successione per tempo potrebbe portare dei vantaggi non solo agli eredi ma anche a chi lascia le redini

  • Molto spesso, quando si parla di ricchezza, si dice: “la prima generazione la crea, la seconda la consolida e la terza la fa saltare”

Nei prossimi decenni i Baby boomers trasferiranno 68 mila miliardi di dollari alla Gen X e ai Millenials.

Per i genitori, o altri membri della famiglia che hanno intenzione di lasciare un’eredità finanziaria è molto difficile pensare al passaggio prima della morte.

E questo perché iniziano a subentrare una serie di paure.

Si teme che sia troppo presto, che i figli diventino troppo viziati e che non sappiano trovare la propria strada da soli.

Ma pianificare una successione per tempo potrebbe portare dei vantaggi non solo agli eredi ma anche a chi lascia le redini.

Molto spesso, quando si parla di ricchezza, si dice: “la prima generazione la crea, la seconda la consolida e la terza la fa saltare”. E infatti non sono pochi i casi di grande famiglie che sono finite in disgrazia a causa di una generazione.

E questo è uno dei motivi che spinge molti genitori a non tramandare troppo velocemente la propria ricchezza.

Solitamente si pensa che non aiutando il figlio, con i mezzi economici della famiglia, questo sarà costretto a tirarsi su da solo e a meritarsi qualcosa di suo. Oppure si spera, che come il genitore è riuscito a crearsi da solo, possa fare anche l’erede.

E dunque, niente soldi per comprare la prima casa o per pagare l’università. “C’è però un aspetto che molto spesso non si considera in questi ragionamenti: quando il genitore si è costruito la sua ricchezza erano altri tempi, c’era un’altra condizione economica e magari ha avuto anche un pizzico di fortuna”, dichiara un esperto legale sentito da We Wealth.

A questo si aggiunge che i Millennials saranno la prima generazione che starà peggio rispetto ai loro genitori. Secondo il rapporto pubblicato dal Pew Research Center, il 39% dei Millennial di età compresa tra i 25 e i 37 anni ha un diploma di laurea (circa il 35% in più rispetto ai baby boomer).

Ma a questo non corrisponde più benessere. Anzi, secondo il report, i millennials ora hanno il 41% in meno di ricchezza in meno rispetto a quanto avevano i loro genitori alla stessa età.

Se a tutto questo si aggiunge il fatto che tendenzialmente si eredita quando si hanno 40,50 o anche 60 anni il quadro è fatto. E dunque, non sarebbe meglio iniziare a trasferire la ricchezza poco per volta e insegnarla a gestire ai propri figli?

Secondo l’esperto fiscale uno dei vantaggi di iniziare presto il passaggio generazionale è che si possono guidare i figli nel mondo della finanza, osservare come gestiscono il patrimonio, dare dei consigli su dove investire e a cosa stare attenti (se acquistare un determinato immobile oppure no).

A questo si aggiunge che il denaro ereditato potrebbe dare vita ad un nuovo impero economico. Non è infatti un mistero che molto uomini e donne che poi hanno costruito un’impresa hanno potuto godere dell’appoggio finanziario della famiglia (avevano una casa dove stare, delle risorse a cui attingere). E piano piano hanno dato vita al loro realtà imprenditoriale.

Infine, da aggiungere un ultimo aspetto. Molto spetto si pensa che il passaggio generazionale riguardi solo le famiglia ricche. Sbagliato. È una questione che tocca anche le fasce medie della popolazione.

La trasmissione di un’eredità non significa solo passare una fortuna, alla generazione futura, ma anche aiutare i propri figli a saldare debiti, a creare un fondo per l’istruzione dei nipoti e così via. Questi non sono regali ma un graduale passaggio di ricchezza. E se fatto con ponderazione può andare a giovare sia a chi riceve sia a chi dona.

FONTE: WE WEALTH

LEAVE A COMENT