BLOG

 
La pianificazione finanziaria

pianificazione finanziaria  

(maggiori info 0372/204045   – info@your-solution.it)

La pianificazione finanziaria è l’analisi dei propri bisogni, inclusa quelli della propria famiglia, e le proprie aspettative future per ridurre l’impatto degli aspetti non oggettivi.

La pianificazione si fonda sull’analisi della situazione finanziaria e patrimoniale della famiglia ed è il metodo con i quale programmiamo i consumi ed i risparmi, questi ultimi con diverse finalità: previdenza per la pensione, rischio per le varie attività, investimento o indebitamento, per esempio per la casa o l’istruzione dei figli; ed è un’attività normalmente supportata dal consulente (pianificatore finanziario) che aiuta la persona a capire le sue aspettative, ma ancora prima le proprie abitudini e lo assiste nel cambiamento delle abitudini/comportamenti che siano coerenti con i propri obiettivi.

L’investimento ottimale è una conseguenza di una attenta pianificazione finanziaria costruita sulle esigenze reali e sui prodotti e servizi per soddisfarle.

L’investimento diventa il mezzo. Il bisogno il fine.

Spesso invece capita di dimenticare le fasi di vita, perché l’investitore non riesce a trasmettere le sue reali esigenze al proprio consulente o perché il consulente non riesce ad individuare le reali esigenze del suo cliente.

La pianificazione si può suddividere in 4 fasi:

  • diagnosi;

  • pianificazione;

  • proposta;

  • monitoraggio.

La diagnosi è la rilevazione dei bisogni, capire le proprie esigenze ed individuare gli obiettivi e le aspettative; naturalmente in ordine di priorità (la piramide di Maslow).

In questa fase è quindi importante la conoscenza economica e patrimoniale complessiva della persona anche in termini di capacità di reddito e capacità di risparmio.

Si continua poi con l’analisi del portafoglio in essere, valutando l’efficienza rispetto agli obiettivi ed alle aspettative individuate.

Successivamente nella seconda fase, la pianificazione, con le informazioni e i dati raccolti nella fase della diagnosi, si identificano i diversi orizzonti temporali (quando raggiungere?) di raggiungimento degli obiettivi

Nella terza fase, la proposta, è

l’elaborazione della o delle scelte di investimento in riferimento agli obiettivi di investimento.

La proposta o le proposte sono fondate sul concetto che non esiste il miglior prodotto in assoluto, ma ogni pianificazione finanziaria è personalizzata ed costruita su misura per il soggetto che la compie.

Pertanto le scelte di investimento dovranno essere coerenti con i tempi di realizzo delle esigenze del cliente e della

tolleranza al rischio della persona.

L’ultima fase, il monitoraggio, consiste nel verificare nel tempo il piano di investimento ed apportare modifiche e/o integrazioni per il raggiungimento dei propri obiettivi.

Il mondo cambia ed è necessario cambiare, evolvere il modo di pensare ed agire.

Le abitudini sono fonte di stabilità, ma rischiano di farci sottovalutare i segnali e di farci assopire mentalmente.

Serve un cambiamento di mentalità. Charles Darwin “non è la specie più intelligente a sopravvivere e nemmeno quella più forte, ma la specie che risponde meglio al cambiamento”.

LEAVE A COMENT